Iuliana Mirza

Naturopatia e benessere olistico

Come le tossine influenzano l’aumento di peso

Lascia un commento

E’ stato scoperto che le tossine disturbano il ritmo interno necessario per far funzionare correttamente il nostro corpo e per permetterci di perdere peso naturalmente.
In generale una tossina può essere definita come qualsiasi elemento che non è in armonia con il nostro corpo. Possiamo essere esposti a “rapporti tossici”, ambienti di lavoro tossici o anche pensieri tossici. Ma la maggior parte di noi considera che le tossine sono veleni che contaminano il nostro corpo in un modo o nell’altro. Queste tossine possono derivare dalle funzioni normali del corpo e sappiamo che le eliminiamo attraverso i reni(l’urina) e la bile-fegato(feci).
Generalmente, smaltiamo con successo queste tossine, di meno invece quando ci sono disfunzioni epatiche o renali.
Negli ultimi cento anni siamo stati invasi da un numero senza precedenti di vari tipi di tossine e il volume totale di tossine- pesticidi, prodotti chimici industriali, mercurio ed altri ha superato la capacità dell’organismo di eliminarle, portando alla malattia. Allo stesso tempo va precisato che queste tossine contribuiscono allo sviluppo di problemi metabolici che stimolano l’aumento di peso e impediscono il dimagrimento.
Ma da dove provengono queste tossine?images
Le tossine provengono da due “fonti”.
Una è l’ambiente(tossine esterne) e l’altra è l’intestino(tossine interne). Le tossine interne, come sottoprodotti metabolici, devono essere smaltite. Tutto questo, però, è uno stress per il fegato.
Sebbene la maggior parte dei farmaci non siano realmente tossine, possono avere effetti tossici e possono causare un aumento di peso e possono essere considerati tossine esterne.
I batteri e i lieviti nell’intestino producono residui, metaboliti e prodotti metabolici di scarto, che possono influenzare molte funzioni dell’organismo. Questi elementi tossici possono aumentare l’infiammazione e lo stress ossidativo. I batteri producono endotossine, amine tossiche, derivati biliari tossici e varie sostanze cancerogene quali putrescina e cadaverina.

Tutte queste tossine influenzano la nostra capacità di perdere peso. Poiché la maggior parte delle tossine le immagazziniamo nel corpo, il fatto stesso di ingrassare ha una sorta di effetto tossico. Quando bruciamo i grassi, vengono eliminate anche le tossine e se queste non sono trasformate correttamente, ci possono essere ulteriori problemi. Inoltre, il volume totale di tossine può vanificare i tentativi di dimagrire, colpendo i due principali organi metabolici, il fegato e la tiroide e danneggiando i mitocondri, gli impianti di combustione dell’energia.
Sappiamo che i pesticidi e i prodotti di scarto derivati dall’inquinamento industriale sono depositati nel tessuto adiposo e ci avvelenano il metabolismo, impedendoci di perdere peso.
Le persone con un indice di massa corporea alto(IBM), hanno più tossine perché di solito hanno più grasso.
Queste tossine interferiscono con molti aspetti del metabolismo riducendo il livello degli ormoni tiroidei e allo stesso tempo aumentando l’escrezione degli ormoni tiroidei nel fegato.
Inoltre, le tossine sono in concorrenza con gli ormoni tiroidei, bloccando i recettori tiroidei e cercando di prelevare le proteine di trasporto dalla tiroide, cosi che gli ormoni tiroidei non possano raggiungere il sito d’azione.
In conclusione, pesticidi e altre tossine industriali riducono i livelli di ormoni tiroidei, interferiscono con le loro funzioni e quindi rallentano le funzioni metaboliche.
Oltre al fatto che le tossine diminuiscono direttamente i livelli di ormoni tiroidei, ci distruggono i mitocondri, disturbano il metabolismo e inibiscono i meccanismi che bruciano i grassi, le tossine possono influenzare i segnali ormonali che controllano l’appetito e il comportamento alimentare.
Come sappiamo, la leptina è l’ormone che informa il cervello quando siamo sazi. Le tossine(metalli pesanti o altre tossine chimiche), bloccano questi segnali. Nel corso del tempo, il nostro cervello diventa resistente agli effetti della leptina e siamo affamati per la maggior parte del tempo.
Pertanto l’esposizione alle tossine può aumentare anche l’appetito.

Annunci

Autore: iulianamirza

Sono una naturopata professionista in terapie naturali specializzata sull'alimentazione e sull'integrazione nutrizionale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...