Iuliana Mirza

Naturopatia e benessere olistico


Lascia un commento

Più protezione per la nostra pelle

La pelle è il tessuto più esteso dell’organismo e svolge importanti funzioni: per mantenerla sana ed elastica va “nutrita” non solo dall’esterno con creme idratanti, ma anche “dall’interno”. Un alimentazione ricca di yogurt, frutta e verdura fresche, fonti di vitamine e disintossicanti, è fondamentale, ma un aiuto in più può venire dalle erbe.
Per rinforzare la pelle si può bere per una quindicina di giorni una gradevole tisana, ricca di sostanze emollienti e rimineralizzanti. Per prepararla si mescolano 30 g di boccioli di rosa moscata, 20 g di calendula, 20 g di borragine, 10 g di malva, 10 g di salvia e 10 g di equiseto.
borragine
Si mette un cucchiaio della miscela in una tazza e si copre d’acqua bollente, lasciando riposare con un coperchio per 10-15 minuti. Poi si filtra, si addolcisce con un po’ di miele e si beve a piccoli sorsi. Un adulto può prenderne una tazza al mattino e una alla sera. Continua a leggere

Annunci


Lascia un commento

Lo sapevate che …?

La liquirizia blocca la fame?
Nei momenti di forte voglia di dolci prova a mettere in bocca un bastoncino di liquirizia al naturale(non la caramella).
liquirizia
E’ stato verificato che questo può ingannare il cervello e ridurre o addirittura eliminare il bisogno di zuccheri.
La liquirizia ha un effetto positivo anche contro l’erosione del succo gastrico sui tessuti dell’apparato digerente. Se stimola la secrezione gastrica e aiuta a digerire, svolge anche un’azione cicatrizzante sui tessuti gastrointestinali.
In più, sempre per le sue proprietà cicatrizzanti, la liquirizia è ideale per lenire gli effetti dell’acne. Basta applicare più volte al giorno pezze di stoffa imbevute di infuso forte di liquirizia.
Ma nonostante sia un vero toccasana, non devi abusarne poiché per via del contenuto di acido glicirrizico, causa ritenzione idrica e ipertensione, mentre presa con moderazione è un ottimo cardiotonico.


Lascia un commento

Certi malanni “preferiscono” i maschi

Uomini e donne sono molto diversi per quanto riguarda la salute, non tutte le malattie infatti li colpiscono allo stesso modo. Se il sesso maschile è più vulnerabile a certe problematiche, quello femminile è più predisposto a svilupparne altre. In tutti i casi la Naturopatia può rivelarsi una risorsa preziosa, sia nella prevenzione sia nella cura.
A partire dai 40 anni è molto comune che un uomo sviluppi un disturbo alla prostata. Quest’organo, infatti, tende ad ingrossarsi progressivamente(ipertrofia prostatica benigna), dando origine a sintomi di vario tipo, soprattutto a carico della minzione.prostata
Non hanno età, invece, i processi infiammatori, che possono comparire anche nei più giovani e che sono scatenati da fattori diversi, come virus, batteri, abitudini di vita scorrette(alimentazione sregolata, alcol, lavoro sedentario, eccesso di sport o assunzione di medicinali). Anche in questo caso possono comparire problemi urinari o sessuali.
Il rimedio ideale è Serenoa Repens, o la Palma Nana, con principi attivi capaci di riequilibrare le variazioni ormonali alla base dell’ingrossamento della ghiandola. Inoltre riduce l’eccesso di crescita delle cellule epiteliali prostatiche.
Ottima anche l’ortica: depura e migliora l’infiammazione e l’ingrossamento della prostata. Continua a leggere


Lascia un commento

Ad aprile Rosa e Gelsomino

Per tutto il mese di aprile, al posto dell’acqua o di altre bevande, bevete tè.
Vi presento due ricette:
Tè al gelsomino
E’ un depurativo delle secrezioni tossiche, con produzione di muco e catarri, delle vie respiratorie, tratto gastrointestinale e colon. A livello psichico è efficace negli stati d’ansia.
In una teiera precedentemente riscaldata mettere in infusione per 5 minuti 2 cucchiaini di tè al gelsomino. Filtrare e bere.

tè
Tè verde al boccioli di rosa
Le proprietà tonificanti del sistema nervoso del tè verde si associano in questa bevanda a quelle rilassanti della rosa, che aiuta la concentrazione.
In una teiera precedentemente riscaldata mettere in infusione per 5 minuti un cucchiaino di tè verde e un cucchiaio di boccioli di rosa secchi. L’importante è non eccedere con il quantitativo di tè, che contenendo tannino tende a scurirsi e a diventare amaro.


Lascia un commento

Cosa si può fare in caso di disistima e svalutazione personale? Dal nostro corpo e la nostra mente le risposte più efficaci! (3)

Il disagio come messaggio che ci arriva dal nostro corpo è un invito a rivedere la nostra vita verificando quali errori stiamo facendo e come migliorare.
La cefalea, il torcicollo, la gastrite, l’ulcera, l’asma, l’anoressia, la bulimia, la prostata, le malattie allergiche fino ad arrivare all’artrite, o altre malattie più gravi possono dipendere dal nostro “non volersi bene”, quindi della bassa autostima.
Penso veramente che sia possibile trasformare un’autostima debole e insufficiente in un autostima vera e sana.

osho
Nei casi di scarsa autostima adopero tecniche e pratiche incentrate sul recupero dell’equilibrio. Alcune danno importanza al riaffiorare dei ricordi, all’utilizzo della creatività (colori, disegni), altre alla liberazione delle tensioni (meditazioni, rilassamento), altre ancora al dominio dell’energia vitale (reiki, ginnastiche energetiche, yoga) prendo in considerazione l’alimentazione e, solo se c’è bisogno, l’integrazione alimentare.
Una dieta equilibrata può migliorare il nostro stato d’animo, rifornirci di energia facendoci sentire in grado di affrontare gli impegni della vita quotidiana. Tutti i micronutrienti sono coinvolti direttamente o indirettamente nell’equilibrio psichico , ogni cibo ha ripercussioni sull’emotività . Continua a leggere